Megliounlibro - il sito del Book Counselling
IMG_0453.jpg

megliounlibro

Leggere è scegliere. Il meglio da 27 anni

Quaderni 12 di Megliounlibro: Scrivere storie, leggere il mondo

Editoriale Q12

“L’arte di narrare ha il potere di fornirci la possibilità di accostarci alla vita con maggior profondità”. Può sembrare scontato ma oggi la frammentarietà indotta dai social, dal flusso continuo di notizie e di nozioni, non facilita questa profondità, per la quale l’uomo è fatto. Anzi.

Per questo ci pare determinante continuare a formarci e a formare giovani che amino leggere e se possibile anche scrivere. Sono abilità comunicative, si diceva a scuola. Sono abilità fondamentali per illuminare e coltivare un pensiero che percepisce la necessità di essere lineare. Diversi studiosi oggi diffondono questo invito, che talora diventa un appello urgente. Tra loro Martha Nussbaum: “La lettura è ragionamento critico nella misura in cui il lettore è portato ad interrogarsi su sè stesso e ad operare confronti con le proprie opinioni e i propri propositi”. Concetto condivisibile e impegnativo perchè… se venisse a mancare?

Al fianco di altre voci anche Papa Francesco, in uno dei più recenti messaggi per la Giornata delle Comunicazioni Sociali, ha scelto di sottolineare il valore essenziale del narrare, che sia fruito (leggere) o generato (scrivere) dalla creatività umana: “L’uomo è un essere narrante. Fin da piccoli abbiamo fame di storie come abbiamo fame di cibo. Che siano in forma di fiabe, di romanzi, di film, di canzoni, di notizie…, le storie influenzano la nostra vita, anche se non ne siamo consapevoli. Spesso decidiamo che cosa sia giusto o sbagliato in base ai personaggi e alle storie che abbiamo assimilato. I racconti ci segnano, plasmano le nostre convinzioni e i nostri comportamenti, possono aiutarci a capire e a dire chi siamo”. Possono aiutarci a diventare persone più profonde, quindi.

Alla luce di queste preziose considerazioni nasce Quaderni 12, Scrivere storie, leggere il mondo. E’ un numero speciale, supplemento al magazine Megliounlibro, interamente realizzato dagli studenti del Laboratorio di Newsmaking, scrivere le notizie, iscritti al II anno della facoltà di Linguaggi dei Media dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. I giovani sono andati a caccia di testi che riguardino la passione per la lettura e la scrittura, li hanno proposti alla redazione, li hanno letti e recensiti. E questo è il risultato. Dai romanzi ai manuali, dagli albi illustrati alla letteratura per ragazzi: tutto può concorrere, ad ogni età, a coltivare un interesse che speriamo resti per sempre. Questo auguriamo a loro e a chi sfoglierà queste pagine. L’amore per la bellezza dell’arte letteraria, che contiene la vita.

Laura Prinetti

 

Il Giornale 2024.jpg

Parlano di noi: Il Giornale, 2024

copertina 104.JPG

Che sia ancora il tempo delle favole...

Editoriale 104, inverno 2023


Arrivare con Megliounlibro alla Sala del Grechetto della Biblioteca Sormani era per noi un sogno, da 26 anni. Ora che si è avverato non abbiamo parole per ringraziare chi è riuscito ad esserci e chi, anche da lontano, ci ha inviato attestati di stima per l’evento organizzato in occasione di BookCity Milano 2023, con la consegna del Premio Letterario Megliounlibro, alla II edizione per la sezione Ragazzi. L’autore premiato è Paul Bakolo Ngoi, originario della Repubblica Democratica del Congo, l’opera è Nonno raccontami una favola. Trovate il video integrale sul canale Megliounlibro YouTube, e sul nostro sito le motivazioni.
Alla domanda “è ancora tempo della favole?” Paul risponde: “Io credo nelle favole, in quelle che vengono dalla tradizione, perché in queste riusciamo a trovare un modo per leggere la realtà di oggi. Non sono solo racconti di una volta, non sono solo cose che appartengono ai tempi dei nonni. Quindi sì, è ancora tempo delle favole. Perché i bambini di oggi e quelli di ieri hanno sempre qualcosa in comune”. 

Ecco il numero 104. Abbiamo voluto aprire con titoli “da regalo”, andate a vedere. Poi l’attualità perché più che mai non possono mancare opere per leggere ciò che accade nel mondo. Anche sotto Natale si continua a morire, in Ucraina, in Israele e Palestina, in Afghanistan, in Libia e nel Mediterraneo. Un libro aiuta a crearci un’opinione senza preconcetti. Biografie, romanzi, saggi, letteratura che racconta la vita ai bambini, idee dono per tutti. E’ importante azzeccare il titolo giusto per ciascuno, segno di affetto autentico.


“Siamo tutti fatti di ciò che ci donano gli altri: in primo luogo i nostri genitori e poi quelli che ci stanno accanto; la letteratura apre all’infinito questa possibilità d’interazione con gli altri e ci arricchisce, perciò, infinitamente. Ci procura sensazioni insostituibili, tali per cui il mondo reale diventa più ricco di significato e più bello… e permette a ciascuno di rispondere meglio alla propria vocazione di essere umano”. Così scriveva Todorov, e ci sembrano parole che colgono il senso del nostro lavoro e delle nostre proposte, che possono dare una luce speciale ai vostri regali e, sorprendentemente, anche al Premio assegnato.


Per continuare a crescere in questa avventura, in cui andiamo a caccia di titoli che arrischiscano, è INDISPENSABILE continuare a sostenerci. Senza aiuti non si può andare avanti.
Volete che sia ancora il tempo delle favole? Noi siamo disponibili alla sfida, ora serve un segnale più forte del solito. Rinnovate l’adesione per l’anno sociale 2024 e regalate Megliounlibro a Natale: sarà il via libera…
LP

Lugli, in volo con emozioni.jpg

In volo con le emozioni, il saggio di Vittoria Lugli presentato alla PUSC

di Giulia Ausilio 

Roma, dicembre 2023 - Presso la Pontificia Università della Santa Croce si è tenuta la presentazione del saggio In volo con le emozioni di Vittoria Lugli (San Paolo Edizioni). La prof. Ilaria Vigorelli ha moderato il dibattito tra don Francisco Insa, don Fabio Rosini, Annalisa Consolo e l’autrice, una psicoterapeuta clinica che ha addestrato piloti e astronauti per affrontare le missioni dell'Aeronautica. Da questo stretto legame con il volo il libro prende il titolo. 


Al centro di tutto il tema delle emozioni: infatti si è parlato della tendenza ad assecondarle o farle tacere perché considerate “fastidiose”. Lugli ha voluto analizzarne il ruolo nella nostra esistenza, ricordandoci come siano fondamentali ma non debbano prevalere nel “volo della nostra vita” bensì vadano gestite, soprattutto nei momenti di "emergenza". Quindi l’autrice, traendo spunto dall’esperienza, vuole mostrare nel suo studio come imparare a leggerle e analizzarle perché non diventino un limite per il futuro ma anzi possano, grazie ad un buon “addestramento” servire per superare i momenti difficili.

Il saggio si riferisce in particolare ad un metodo innovativo per i pazienti in psicoterapia ma l’incontro, alternando letture di estratti dal testo con interventi degli ospiti, ha saputo cogliere e approfondire anche altri aspetti significativi. Così la presentazione si è tramutata in confronto stimolante, dove anche il pubblico è stato coinvolto. “Abbiamo tendenza a voler risolvere i problemi, ma il buon padre non è quello che risolve i problemi dei figli, bensì quello che insegna ai figli a risolverli”, questo un esempio delle riflessioni di don Fabio Rosini che tra le altre hanno suscitato grande interesse.
 

Capuzzi, Noi afghane.jpg

Le donne afghane e il racconto della resistenza ai talebani

di Giulia Ausilio

Milano, novembre 2023 - “Sognatrici: le donne afghane e il racconto della resistenza ai talebani” è l’evento che si è tenuto in Università Cattolica nell’ambito della settimana di Bookcity MIlano 2023.

A parlare del libro Noi, afghane. Voci di donne che resistono ai talebani sono state le giornaliste del quotidiano Avvenire, Lucia Capuzzi, Viviana Daloiso e Antonella Mariani, curatrici del volume edito in collaborazione con Vita e Pensiero. Con testimonianze commoventi hanno raccontato storie di donne afghane succubi di un regime che le vorrebbe cancellare, ma che, nonostante le angherie, resistono in nome di sogni e di un futuro in cui sperano ancora. Si tratta del prodotto cartaceo della campagna #avvenireperdonneafghane, che contiene ritratti fotografici e interviste: l’idea dietro è che le storie diventando patrimonio di tutti siano poi più difficili da ignorare.

Ad accompagnare le testimonianze il documentario “The Dreamers: Afghan Women’s Resistence” del regista Alessandro Galassi. I paesaggi dell’Afghanistan hanno fatto da cornice alle giovani durante le lezioni e alle brevi interviste sui cambiamenti avvenuti nella loro vita più recente. Da questi dialoghi si evince che la loro è una lotta silenziosa, costante, per non perdere mai la speranza.

Locandina Bookcity definitiva da fare in A3.png

Le motivazioni del Premio Letterario Megliounlibro 2023 a Paul Bakolo Ngoi

 

"Paul Bakolo Ngoi è un testimone. Testimone della sapienza profonda radicata nella cultura del suo Paese d’origine, la Repubblica Democratica    del Congo, del valore forte dei legami familiari: il rapporto con il nonno è infatti alla radice dell’opera che oggi premiamo. E’ testimone anche, nei passaggi della sua vita, in Africa e in Italia, di un’interazione non solo possibile ma viva, feconda, capace di costruire legami e alimentarli proprio in forza dell’amore a tradizioni e culture solo apparentemente lontane.


Il magazine Megliounlibro, che da 26 anni cerca le “perle” nell’impetuoso mare della produzione editoriale, ha trovato nel suo libro                    
“Nonno raccontami una favola” una perla luminosa, che affascina e coinvolge, trasportando i bambini, ai quali le favole sono destinate (e anche gli adulti che leggeranno con loro) in un mondo fantastico ma non distaccato dal reale.


In Congo la tradizione orale è imprescindibile e chi sa raccontare ha un ruolo fondamentale perché le sue parole diventano “immagini disegnate nei cuori”. Lo ha colto anche Daniela Guazzotti illustrando i testi.
La saggezza di quel nonno nelle parole affidate al piccolo Paul ha trovato la via per parlare anche a noi. 


Bakolo Ngoi è uno scrittore delicato e divertente, leggero e profondo, che sa trasportarci in una dimensione dal sapore universale, pacificante e ricca di messaggi. Sarà occasione per fermarsi un istante ricordando l’infanzia, quando chiedevamo: “Raccontami una favola”. 


Per questo merita il Premio Megliounlibro e il nostro grazie".

 

Copertina Megliounlibro 103.jpg

Un autunno da favola (verso Bookcity 2023)

Editoriale 103, autunno 2023

Autunno, stagione favolosa di feste del libro… e noi di Megliounlibro siamo felici di partecipare. A Milano a novembre infatti c’è BookCity... Vi ricordate il nostro incontro dell’anno scorso con Paola Mastrocola? 
Stavolta parleremo ancora, da una nuova angolatura, di educazione alla lettura e consegneremo il Premio Letterario Megliounlibro 2023, sezione Letteratura per l’infanzia, ad un autore che sa che cosa significa raccontare… Non riveliamo ancora chi, quando, dove: arriverà l’invito con la locandina. Vi lasciamo indizi. Stiamo all’erta!


In questo numero 103, così scoppiettante (lo presenteremo a BookCity e in giro per l’Italia) trovate titoli  imperdibili. Si parte da storie vere delicate e di cambiamento come quelle dello spazzino e di Annalena, con un fil rouge chiaro e semplice, di seguito romanzi dalla riposante atmosfera del Giappone, con quelle sue tendenze che presto si trasformano in bestseller (ne stanno traducendo a frotte e alcuni sembrano somigliarsi, ma queste sono due chicche ben selezionate). Uno parla di “calligrafia, scrittura a mano”, così determinante nell’era in cui anche le intelligenze rischiano di divenire artificiali, l'altro di amore per la cucina, per le ricette, per i ricordi di famiglia. Una dolcezza infinita. 
Romanzi di autori nostrani, testimonianze, gialli, temi di bioetica scottanti e una sfilata di documenti per chi ama i saggi storici o le biografie. Per i ragazzi, come di consueto d’autunno, tante proposte per la scuola, con tematiche “sensibili” e attuali. 


Nei paginoni centrali una recensione che scrisse per noi la prof. Serena Bianchi, cofondatrice del Book Counselling, su un volume che considerava decisivo; e che sia una perla lo dimostra il fatto che dopo la prima edizione ce ne siano state diverse fino a quest’ultima, recentissima, aggiornata dall’autore. Albert Manguel studia da sempre la storia della lettura, della scrittura, delle biblioteche come luoghi di incontro con la creatività dell’uomo. Così sostiene, e noi lo seguiamo: la lettura è un’operazione travolgente, è cura, scuola di memoria e di meditazione, è un piacere (“ma non accidioso”), è allenare la logica grazie alle metafore. E mette in guardia dalla tendenza odierna a “scorrere il testo”, a effettuare una lettura frettolosa, un cammino tra le parole superficiale e sommario. “Oggi, quasi tutto ciò che abbiamo intorno ci incoraggia a non pensare, ad accontentarci di luoghi comuni, di un linguaggio dogmatico che divide nettamente il mondo in bianco e nero, bene e male, loro e noi...”.


Megliounlibro si avvia verso un evento a cui voi amici sarete invitati, con tutta la città. sarà il ritrovo di chi ha colto che la lettura è un atto di bene comune: aiuta la società, la rende più umana, più democratica e senza dubbio più libera.
Laura Prinetti
 

Con Megliounlibro, un tirocinio su misura

di Giulia Sabatinelli

Nel processo di crescita della persona, ogni singolo trova la propria strada, la propria passione. L’esperienza di stage formativo con Megliounlibro mi ha permesso di rendermi ancora più conto di questo: vorrei lavorare nel campo dell’editoria, la mia passione da sempre, essendo lettrice e scrittrice.
Ho sempre sognato di vedere il dietro le quinte di un’azienda che opera nel mondo della letteratura e con il tirocinio compiuto in questi mesi ho avverato il mio desiderio. Ho avuto modo di vedere come impostare una recensione, come costruire il timone di un numero del magazine, maneggiare libri provenienti da case editrici a me sconosciute e tanto altro...
E’ stata una sfida che, nonostante le difficoltà, sono riuscita a superare grazie anche all’aiuto di Laura Prinetti, che mi ha supportato lungo tutto il percorso.
Ho avuto modo di conoscere una realtà nuova, quella della consulenza letteraria, utile a tutti ma specialmente alle scuole per la scelta dei testi da adottare, non a caso Megliounlibro è sfogliato da diverse persone che lavorano in quel settore. 
Mi sono sempre sentita accolta e stimolata nelle numerose attività che mi sono state proposte, fino all’ultima recente riunione di redazione, che mi ha dato modo di incontrare gli altri che fanno parte di questo magnifico gruppo.
Porterò sempre con me questa esperienza e le persone che ho conosciuto in questo processo, facendo tesoro di quello che ho imparato.
 

copertina 102.JPG

Il vento della bellezza gira le pagine

Editoriale 102, Estate 2023

L’obiettivo di tutto l’impegno di Megliounlibro è che le persone leggano di più e leggano… il meglio. Ma come? Andando a scovare i titoli di maggior qualità in circolazione, così da promuoverli, e osservando da vicino il mercato così da aiutare ad individuare la bellezza. Siamo convinti che una buona lettura contribuisca a “sviluppare soggetti ben informati e capaci di un pensiero autonomo fuori dagli stereotipi culturali, in grado di partecipare in modo pienamente consapevole e responsabile ai processi democratici”, (Martha Nussbaum).

Ci rendiamo conto che non è facile cogliere tutta la gamma di attività che sviluppiamo da 26 anni – li compiamo il 12 giugno, giorno in cui la testata è stata registrata in tribunale! – ma ringraziare chi di voi si è fidato e ci ha sostenuto si può, anzi si deve. E’ grazie a voi se un volontariato culturale di alta professionalità come questo si è sviluppato in questi anni, perché in Italia il Book Counselling non esisteva. Ora purtroppo sono sorte diverse imitazioni, ma prevalentemente a scopo (più o meno esplicito) commerciale. Nessuna esperienza simile ha così tanti anni nel settore editoria: per questo Megliounlibro resta unico!

Grazie anche a coloro che ci invitano a raccontare chi siamo, in giro per l’Italia. Una delle ultime tematiche su cui siamo stati chiamati a confrontarci è stata “Leggere è scegliere. Cercare bellezza tra le offerte del mercato editoriale”. E se si cerca ovviamente qualcosa si trova: ecco i titoli che vi proponiamo per le letture estive dei diversi target. Report di viaggi, romanzi sulla famiglia, sulla donna (storie vere dalla Somalia, l’Afghanistan, la Russia), sull’amore per l’arte, che in vacanza andrebbe rinfocolato magari con la visita a un Museo, e poi testimonianze di vita vissuta con un eroismo che passa alla storia, e anche gialli e varia, per assecondare i gusti di tutti.

Ventisei anni fa lo scrivevamo: la nostra sfida è trovare perle che restino brillanti nel tempo, cioè individuare i classici “del futuro”. E in tanti casi il traguardo è stato raggiunto, lo dimostra il fatto che alcuni titoli da noi segnalati da allora oggi vengono riproposti dall’editore, con una copertina rinfrescata. Significa che spesso avevamo colto nel segno, ma soprattutto che i lettori “forti” hanno apprezzato e si sono passati parola. E in particolare nel settore editoria per adulti è strepitoso, se si calcola che la vita media di un titolo è di 6 mesi, poi spesso esce dal circuito… Man mano che li individueremo torneremo a segnalarveli. Qui ne riproponiamo due, uno per adulti e uno per ragazzi. Chi indovina quali sono?

Infine nella mail e sul sito trovate le “dritte” per la Gara fotografica dell’estate 2023, “Leggere dappertutto”. Aspettiamo i vostri scatti, per pubblicarli e per premiarvi.

Buona lettura, buone vacanze!

Laura Prinetti

Copertina Quaderni 11, Amicizia.JPG

Amicizia, un tesoro tra le pagine

Editoriale Quaderni 11 di Megliounlibro

Che cosa c’è di più prezioso di un’autentica amicizia? Chi non la desidera, a tutte le età? Per Aristotele “ci fa sentire che esistiamo” ed è persino “il cemento della polis”. Filosofi e letterati hanno provato a scandagliare questo sentimento così difficile da inquadrare, eppure così necessario, imprescindibile per una vita felice. Il tema è gigantesco e appassionante, soprattutto per un giovane studente liceale… Così si spiega e si motiva l’idea che qui presentiamo, dal titolo “Amicizia, un tesoro tra le pagine”, che nasce in conclusione di un progetto di Pcto, Percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento, con alcuni studenti del triennio delle superiori della Lombardia.

Abbiamo chiesto loro di cercare un titolo centrato sul filo conduttore dell’amicizia, un libro che li abbia colpiti con un’energia particolare.

Il progetto “Scrivere le notizie: dalla cronaca alla cultura” si inserisce tra

i Pcto avviati dall’Università Cattolica per gli istituti superiori. L’obiettivo principale è introdurre i liceali ai linguaggi del giornalismo e farli cimentare in prove pratiche su settori specifici, rendendoli più consapevoli del contesto e dei target, per orientarsi meglio nel mondo dei media.

Siamo partiti da come nasce una notizia e da quali sono le fonti per poi osservare le tecniche di scrittura, prima per l’articolo di cronaca (e su questo ha offerto degli input anche un giovane giornalista professionista, freelance per diverse testate) poi nello specifico per la recensione bibliografica.

Il desiderio è stato sin dall’inizio quello di realizzare con gli studenti un vero prodotto editoriale. Così già nelle precedenti edizioni di questo Pcto è nata dai referenti l’idea di creare una partnership con Megliounlibro, il magazine della non profit Il Segnalibro Book Counselling Service, e preparare uno speciale. Quaderni 11 si presenta dunque come supplemento al numero dell’estate 2023.

Megliounlibro è una testata che da 26 anni offre un servizio di orientamento alla lettura, cercando le perle anche tra i titoli pubblicati di recente, i cosiddetti “classici del futuro”. 

Ogni studente ha scelto un titolo da proporre ad altri, considerandolo di valore e, raccolti gli strumenti del mestiere, si è cimentato nella recensione.

Non è semplice alla loro età mettersi nei panni di un giornalista, ma grazie al loro impegno il risultato è questo: una carrellata sull’amicizia, uno tra gli argomenti più appassionanti per tutte le stagioni della vita. Li troverete in ordine di target consigliato, ci sono classici e nuove uscite, ma anche tra quelli apparentemente rivolti ai bambini o ragazzi si trovano perle che piaceranno anche agli adulti.

La parola agli studenti…

Laura Prinetti

copertina 101.JPG

Il diritto di leggere in pace

Editoriale 101, primavera 2023

Diritti. Se ne parla di continuo, però la persona in quanto tale è sempre meno rispettata in questo nostro mondo che da una parte fa progressi dall'altra va terribilmente indietro.

Nel numero 101 il filo conduttore è proprio questo: che cosa intendiamo per diritto umano? Il diritto che la società sia solidale con noi, il diritto alla cura quando non stiamo bene, il diritto di poterci riposare anche godendo della natura, il diritto ad avere una famiglia unita e sana, il diritto alla pace, il diritto al dialogo rispettoso sia in famiglia che nella società democratica, il diritto quindi di espressione. Con tale prospettiva vi presentiamo più testi che racchiudono tematiche e problematiche attualissime, per poter leggere non solo l'attualità ma anche dentro di noi e chiederci se abbiamo chiaro che cosa si intende quando si reclamano i diritti umani. E così l'Ucraina, Wuhan, i regimi e i genocidi di ieri e di oggi, la famiglia, il mondo della cultura, la cura dei nostri cari, il sostegno alla crescita dei ragazzi, a scuola e appena fuori, gli anziani. E gli steccati, quali sono? L'osservazione reale di quanto accade nel Mediterraneo rischia di essere obnubilata dalle troppe parole di certi opinionisti. Ciascuno di noi può e deve essere opinionista di sé stesso! Informiamoci sugli steccati, e sulle schiavitù. Papa Francesco in Congo ha avuto il coraggio di far emergere temi e persone troppo scomode. Vi proponiamo dunque il “ricordo” di quegli esuli che nessuno osa più citare. E sono tanti...

poi biografie di artisti, romanzi più riposanti magari, input per rifare casa o essere donne manager equilibrate, che sanno pure cucinare impostando una dieta sana e ascoltando i figli. Come sempre una serie incredibile di proposte anche per i bambini e i ragazzi (Megliounlibro finalmente dopo i lockdown riprende ad andare alla Bologna Children BookFair). Un’offerta esuberante e colorata.

Non possiamo però tacere rispetto alla polemica emersa di recente sul politicamente corretto (fanatico) che va a toccare anche testi che sono ormai dei classici contemporanei. Quello verso Roald Dahl è solo l'inizio di un pericolo gigantesco, il mostro dell'ignoranza.  Sia chiaro: un'opera d'arte (e la vera letteratura è arte) non si può toccare! Prima per il diritto dell'autore (che ormai non può più difendersi) e per un diritto del lettore a ricevere il suo testo integro, così come lo intendeva lui, con gli stessi vocaboli gli stessi concetti la stessa arte. Anche questo è un diritto intoccabile.

Altra cosa è scegliere che cosa leggere e cosa no… Continueremo ad aiutare i nostri abbonati a schivare le trappole nascoste negli interessi commerciali.

Buona lettura!

Laura Prinetti

copertina 100.JPG

100 numeri, e il miglior regalo è leggere

“La passione per la lettura è una malattia bellissima, che ci spinge a contagiare tutti coloro che ci stanno intorno”. Con questo paradosso solo apparente Paola Mastrocola, scrittrice e docente, ha subito evidenziato la sua sintonia con il progetto di Megliounlibro nell’incontro organizzato nell’ambito di Bookcity per celebrare il 25° della rivista. “La meraviglia della lettura: risvegliare nei giovani la passione per la pagina scritta”, questo il tema.

“Facciamo leggere solo libri dove spirano bellezza e grandezza…”. Così Paola Mastrocola, e ancora: “Un lettore si costruisce dall’infanzia, anzi direi da quando nasce, e i genitori sono i primi sponsor della lettura”. “I libri – ha detto – aiutano a coltivare il pensiero e stimolano l’immaginazione”. E allora, anche ai giovanissimi vanno proposte le vere “perle” della letteratura, ma senza forzature, anche indugiando sulle parole e i concetti, per poterli gustare fino in fondo.

E parrebbe tutto così semplice, come l’abilità di questa scrittrice di sintetizzare in un’ora il succo dei nostri anni d'argento. Quante perle… Nell’emozione del guardare indietro, a stento ci rendiamo conto del lavoro svolto, del numero di opere vagliate, delle persone coinvolte.

La somma è presto fatta: 4 trimestrali per 25 anni... e poi arriverà anche Quaderni 10.

Veniamo al fatidico numero 100. Qui trovate tantissimi romanzi, tutti utili a leggere il presente, con gli stili e i temi più vari, dall'amore, l'amicizia, la famiglia, alla complessità della realtà, i regimi, la memoria, le guerre... Quante idee regalo per i gusti degli amici (dal design alle ricette alla storia del Presepe e degli artisti) e per i più giovani mille altre.

Parliamo ancora di regali. Per la nostra festa abbiamo scelto innanzitutto di proporre un numero molto più ampio di perle: in un solo anno vi sono arrivate circa 300 proposte. Per tutti i gusti e le età, perché non c’è un libro che vada bene a chiunque.

E voi, che regali farete a Natale? Un libro azzeccato è pensare ai gusti dell'altro, ma ancora meglio sarebbe donare l’abbonamento a Megliounlibro. E’ in definitiva come regalare centinaia di titoli…

Un piccolo regalo lo chiediamo anche noi: rinnovate al più presto l’adesione per l’anno sociale 2023 e, se possibile, mandateci anche un piccolo segnale in più. Le spese sono cresciute, noi non modifichiamo la quota di abbonamento ma le difficoltà ci sono per tutti...

Regalate e regalatevi Megliounlibro.

Laura Prinetti